LOGO
  • Iniziativa di solidarietà del Collegio di Milano per il crollo delle mura volterrane

    MILANO – La notizia del crollo delle mura di Volterra non è rimasta nei dintorni della Città ma ha fatto il giro dell’Italia. E la solidarietà arriva anche dagli studenti eccellenti delle sette università milanesi.
    Il Collegio di Milano – struttura di merito che ospita cento tra i più brillanti studenti degli atenei milanesi e organizza corsi di formazione e cultura – ha da subito sponsorizzato un’iniziativa di solidarietà in favore di Volterra.
    Francesco D’Angelo – studente volterrano all’Università Bocconi – ha parlato dei crolli volterrani agli altri collegiali e alla direzione.
    E’ stata organizzata una cena a base di specialità toscane – sponsorizzata dal Collegio – e una lotteria benefica, nella quale sono stati messi in palio prodotti tipici volterrani, gentilmente offerti da VolaTerra, il nuovo negozio del giovane Jonni Guarguaglini.
    L’olio, i cantuccini e altre prelibatezze sono state offerte per la lotteria, un’occasione per parlare di Volterra fuori dal “Poggio” e sensibilizzare studenti provenienti da tutta Italia.
    Tutto il Collegio di Milano – dalla segreteria, ai dirigenti, agli studenti – ha partecipato con entusiasmo alla lotteria che ha avuto un ottimo risultato: i quasi 500 euro raccolti saranno versati sul conto corrente “Aiuta Volterra”.
    Una solidarietà simbolica, ma concreta e non scontata, soprattutto perché proviene da parte di persone che non vivono la realtà volterrana ma che hanno subito preso a cuore la situazione della Città etrusca, contribuendo in modo vivo e tangibile alla ricostruzione e alla diffusione della conoscenza di Volterra fuori dal territorio.

    Francesco D’Angelo, organizzatore – il mio percorso di studi mi ha portato lontano da Volterra, ma dopo la notizia dei crolli ho sentito l’esigenza di far conoscere la situazione di Volterra nella realtà dove vivo e nel mio ateneo. Soprattutto tra gli studenti, di tutte le discipline, che più sono sensibili a queste tematiche.
    Non volevo però che si trattasse solo di far conoscere il problema, ma fornire un aiuto concreto e costruire un’iniziativa tangibile, passando dalle parole ai fatti. Per questo la lotteria e la raccolta fondi. Un grazie all’imprenditore e amico Jonni per aver messo a disposizione i suoi prodotti e aver compreso lo spirito di quanto realizzato. Un grazie soprattutto al Collegio di Milano, luogo di eccellenza e di cultura che si è confermato tale creando le condizioni affinché l’iniziativa avesse un ottimo successo e vi partecipassero tutti: segretari dallo staff, ai dirigenti, agli studenti.
    Sono molto contento di quanto realizzato per me e per tutti i volterrani, e sono sicuro che molti altri giovani della Città (come già prima di me) continueranno a darsi da fare per riscostruire Volterra e per farla conoscere il più possibile.

    Sono convinto che Milano sentirà ancora parlare di Volterra.

    Continua a leggere »
  • ,

    “Acquerellando” Arte e “merendate” nella rassegna che fu ideata da Pirimpi

    Lo chiamavano Pirimpi ed è un’icona mitica della Valdicecina.

    Uomo dalla mente libera, e dalla personalità dirompente, Giorgio Betti, originario gestore del Caffè omonimo a Ponteginori, nel comune di Montecatini Valdicecina (PI), che oggi porta il suo nome, fu promotore e sostenitore delle arti del territorio, a cui diede impulsi fondamentali, in quell’amalgama di stile creativo e vita vissuta che fu il suo caffè-osteria, scena del suo romanzesco percorso esistenziale.
    Su iniziativa dei nipoti eredi di stile e passione, Enrico e Matteo Betti, e di due artisti originari del luogo, ritorna in terza edizione “Acquerellando”, la rassegna, da lui ideata, che raccordava le “merendate” paesane all’arte visiva sopraffina, seguendo il motto secondo cui “la destinazione dell’acqua, invece che nel vino, è nell’acquerello …”.
    E con lo stesso pathos, uno degli autori che deve a Pirimpi la sua prima esposizione, il ponteginorino Leo Filippeschi, insieme a Gianpaolo Minuti Innocenti, originario del vicino Castello di Querceto, esporranno i loro mirabili acquerelli in una doppia personale, che conta l’inaugurazione “classica” con merenda a base di rustici assaggi vari, sabato 5 aprile 2014 dalle ore 18.
    Tradizione conviviale del gusto e condivisione della carica espressiva, animeranno l’inaugurazione “contesa” fra le pennellate calibrate e “filosofiche” di Gianpaolo Minuti Innocenti, e l’acquerello immediato, costruito fra ombre e luci, di Leo Filippeschi.
    I soggetti sono ispirati dalla natura: still-life e paesaggi simbolisti, enigmatici, costruiti dalla forza compositiva e dall’invenzione della partitura cromatica.
    Pittori audaci come quel Pirimpi, al secolo Giorgio Betti, che raccordò, fra bruschette, polenta fritta e gustose maccheronate, la tradizione artistica marittima-livornese a quella dell’immediato entroterra agreste, scoprendo talenti poi consolidati come Paoli, Bettarini, Millus e Scudiero.
    La mostra resterà aperta ai visitatori fino al fino al 30 aprile 2014, nell’orario 7-20 (domenica chiuso).

    Info: Caffè Betti 0588/37002, e-mail pirimpisnc@hotmail.com.

    Continua a leggere »
  • Grande evento al Cinema Centrale di Volterra

    Volterra – Venerdì 11 Aprile il regista padovano Fulvio Wetzl sarà ospite della nostra città per proiettare il suo ultimo lavoro (scritto e girato con Laura Bagnoli) “Prima la trama e poi il fondo”, documentario sulla vita e l’opera della pittrice Renata Pfeiffer. Sarà l’occasione per salutare Wetzl e per rivedere, al cinema Centrale, la pellicola che Wetzl, 16 anni fa girò proprio a Volterra: “Prima la musica e poi le parole”. All’interno del cinema sarà allestita anche una mostra con i disegni preparatori del film e alcune opere della pittrice Renata Pfeiffer.
    Molte le comparse volterrane nella pellicola, chi vorrà potrà vedere com’era sedici anni fa. A parte gli scherzi, sia il film che il documentario hanno avuto eccellenti riscontri di critica: il film è una delicata indagine psicologica, una sorta di “ragazzo quasi selvaggio” o diversamente educato, estraneo al linguaggio comune e che una psicologa cercherà, con passione e dedizione di re-inserire nella società e fra i suoi coetanei. Il documentario narra la storia della pittrice Pfeiffer, attiva dal 1958.
    _____________________________

    PRIMA LA TRAMA, POI IL FONDO (2013)
    Trama: Un documentario con animazioni in cui Fulvio Wetzl e Laura Bagnoli ripercorrono, attraverso interviste e cortometraggi animati, la vita e la produzione artistica della pittrice Renata Pfeiffer, austriaca di origine ma nata a Milano nel 1930. Attiva dal 1958, ha attraversato il mondo culturale e artistico italiano con un suo percorso personale.
    L’uso dei colori a smalto industriale, per descrivere, negli anni Settanta e Ottanta, il mondo delle periferie e dei cantieri urbani, soprattutto di Milano, negli anni Novanta si è rivelato tossico per la Pfeiffer e le ha provocato un tumore. La sua creatività si è quindi indirizzata verso nuovi mezzi espressivi, dalle lacche ai metalli fino alle radiografie.
    All’intervista si alternano sei cortometraggi di animazione in cui gli elementi dei quadri della Pfeiffer prendono vita e passano in rassegna la produzione dell’artista attraversando quadri e opere stilisticamente simili, creando un filo rosso che ci conduce alla scoperta della sua opera.
    Un Film di Fulvio Wetzl, Laura Bagnoli.
    ______________________________

    PRIMA LA MUSICA, POI LE PAROLE (1998)
    Trama: Un bambino viene allevato dal padre che lo isola dal mondo e anche dalla figura materna. Alla morte del genitore si troverà solo ad affrontare una realtà che non lo comprende. Infatti il genitore gli ha insegnato a parlare con un codice linguistico del tutto particolare. Toccherà a una psicologa, che si prende a cuore il suo caso, cercare di scoprirne la chiave d’accesso. Vincitore del Castello d’argento al Festival di Bellinzona.
    Un film di Fulvio Wetzl con Anna Bonaiuto, Amanda Sandrelli, Gigio Alberti, Jacques Perrin, Barbara Enrichi.
    “Un thriller dell’anima”: è così che il regista ha giustamente definito questa delicata ed empatica pellicola che – fra le tante altre cose di cui parla – ci offre anche la preziosa occasione di riflettere su quanto sia difficile comunicare, e come sia importante provare a farlo al di là dei pregiudizi e degli stereotipi, mettendosi di conseguenza in gioco in prima persona con disponibilità e dedizione anche quando le condizioni di partenza sembrano disperate, poiché questa è la base di ogni possibile rapporto di interscambio e di condivisione in mancanza della quale c’è il baratro dell’indifferenza forse ancora più terribile del rifiuto.

    SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE
    INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
    www.cinemacentrale.it – Ufficio Turistico P.za Priori 19 – 058887257

    Continua a leggere »
  • Nati nel 2013, c’è tempo fino al 31 marzo per richiedere il bonus bebè

    VOLTERRA – Un sostegno economico per le famiglie con bambini nati nel 2013. L’amministrazione comunale di Volterra ricorda che è possibile richiedere , entro il 31 marzo, il bonus bebé per un importo non superiore a 300 euro a famiglia. Le domande dovranno essere presentate all’Ufficio Protocollo. Per essere ammessi al contributo sarà necessario avere un reddito ISEE non superiore a 20mila euro. Può far richiesta del “Bonus bebè ” un genitore anche adottivo per i figli nati o adottati a partire dal 1 gennaio 2013. Il modello della domanda è disponibile all’Ufficio Politiche sociali aperto nei giorni di martedì, giovedì e venerdì al mattino dalle ore 9.00 alle ore 13.00 o il martedì e giovedì pomeriggio dalle 15.00 alle ore 17.45 o utilizzando il modello disponibile sul sito. La misura è stata istituita con l’intento di supportare le famiglie nel loro nuovo e oneroso compito di genitori e potrà essere confermata anche per i nati nell’anno 2014 e 2015 compatibilmente con le disponibilità del bilancio. Dopo il ricevimento delle richieste l’Ufficio Politiche Sociale provvederà a suddividere il budget a disposizione tra gli aventi diritto mentre la liquidazione del contributo sarà subordinata alla presentazione di attestazioni della spesa per il nuovo nato.

    Ufficio Stampa Comune di Volterra

    Continua a leggere »
  • Volterra, via libera al piano complesso di intervento

    VOLTERRA – Il Consiglio comunale ha approvato il “Piano Complesso d’Intervento – I Luoghi della Cultura” del regolamento urbanistico del Comune di Volterra. «Ci sarà ora la possibilità di concretizzare interventi riguardo alla funzione di aree strategiche per il futuro della città – ha spiegato il Sindaco Marco Buselli – Volterra guarda al futuro quindi, ma tenendo ben salde le radici nel passato, dando attenzione ad aree abbandonate da decenni o dove sono stati fatti interventi sbagliati, fin poi ad arrivare all’attuale stato di degrado».

    Gli interventi Docciola e la Stazione, attualmente ferme al dopoguerra, avranno nel prossimo futuro un ruolo centrale e moderno nel piano parcheggi della città e nell’accoglienza per chi arriva da fuori. Per il complesso del Chiarugi, abbandonato da decenni, si punta ad una riqualificazione complessiva dell’area, come si individuano nuove potenzialità per le zone della Badia e dell’ex Conservatorio di San Pietro. “. «La polemica sui parcheggi interrati – conclude Buselli – non mi appassiona, credo che la città abbia bisogno di parcheggi importanti per favorire il turismo, ma anche per riqualificare due aree strategiche che adesso fanno brutta mostra di sé. Per farlo ci vogliono investimenti importanti. Fra i teorici del non fare e quelli del fare a tutti i costi credo semplicemente che questi interventi vadano fatti pensando alla città tra dieci, venti anni, e vadano soprattutto fatti bene». La documentazione del “Piano Complesso d’Intervento” è consultabile sul sito internet del Comune di Volterra ed è depositata in libera visione al pubblico presso il Settore 4 – Servizio Edilizia Pubblica e Privata del Comune di Volterra. L’atto di Governo del Territorio ha acquistato efficacia a partire dalla data di pubblicazione sul B.U.R.T. della Regione Toscana n.11 del 19 marzo 2014.

    Ufficio Stampa Comune di Volterra

    Continua a leggere »
Ritorna in cima

Printed from: http://www.gazzettadivolterra.it/author/jerrytitani/page/3/

Scan to visit this page: