LOGO
  • I Labronici in Alta Val di Cecina

    POMARANCE – Il silenzio narrante. Il ritmo rallentato del quotidiano. La rincorsa di spatolate e macchie dense di colori, i contrasti cromatici che fissano la vita condivisa, animata nei mercati affollati delle città e cittadine, sospesa negli interni lirici, nel paesaggio aperto sull’eternità, nelle simbologie sottili della natura morta d’autore.
    Fra pezzi storici ed esiti contemporanei, i labronici, dallo storico gruppo degli anni ’20, eredi dei macchiaioli e post-macchiaioli, proseguono la loro corsa nel contemporaneo, ed un significativo spaccato di opere è in allestimento presso le sale dense di storia e arte dell’Antico Hotel del Pomarancio in Alta Val di Cecina, a Pomarance (PI). Una collettiva organizzata da Galleria Impara L’Arte, con la direzione artistica di Mario Andrei.
    Nell’hotel e ristorante che prende il nome dal celebre pittore originario della cittadina e che nel Cinquecento e nel Seicento costruiva drammatici contrasti di luce e ombra, in esposizione le opere di: Luigi Bernardini, Riccardo Chirici, Biagio Chiesi, Sabrina Garzelli, Massimiliano Luschi e Bruno Tinucci.
    “La mostra ha carattere permanente” come spiega Mario Andrei promotore della collettiva. Una permanenza che però “sarà interrotta a febbraio per la personale di Massimiliano Luschi sul tema dell’ultimo Palio”, organizzata con la collaborazione del gruppo fotografico di Pomarance. E sarà il figlio prodigio di Masaniello Luschi ad interfacciare, sul tema della sfida teatrale della quattro contrade, dove scendono in scena i cittadini con spettacolari costumi e in scenografie curate, l’anima della costa a quella collinare: toni e temperature di colore che fissano, sulle pagine visive del testamento esistenziale, atmosfere e tradizioni vissute nel consueto-straordinario.
    Info: Antico Hotel del Pomarancio, Via Roncalli, 18, 56045 Pomarance (PI),
    tel. 0588 62011, “Galleria Impara l’Arte” cl 329 7374072.

    Continua a leggere »
  • Piccoli artisti crescono in Pinacoteca con “Coloriamoci di rosso”

    VOLTERRA – Avvicinare i bambini all’arte attraverso la scoperta dei tesori custoditi nelle sale della Pinacoteca Civica e la realizzazione di mini opere d’arte. Con questo intento l’amministrazione comunale di Volterra ha organizzato per luglio ed agosto “Coloriamoci di Rosso”, laboratori artistici destinati ai bambini dai 5 ai 10 anni. «Un’iniziativa che ha riscosso un grande successo raggiungendo il limite massimo di presenza con 17 ragazzi – spiega Lilia Silvi assessore alla Cultura del Comune di Volterra –, I piccoli partecipanti hanno sperimentato come la Pinacoteca sia un luogo divertente da scoprire sentendosi protagonisti e parte del museo stesso e i genitori sono rimasti stupiti positivamente dall’entusiasmo dei figli e dalla gratuità del progetto, tanto da chiederne l’attivazione anche nei mesi invernali. Per la buona riuscita dell’iniziativa – aggiunge l’assessore Silvi – un “grazie” va alla cooperativa Itinera e alla responsabile del progetto, Michela Vianelli e ai giovani che hanno saputo entusiasmare i ragazzi: Giulia Scarpone e Letizia Franceschini e lo scultore di alabastro Paolo Pineschi. A breve tutti gli elaborati saranno protagonisti di una mostra allestita nel chiostro della Pinacoteca».

    I laboratori – Ogni venerdì mattina dalle 9,30 alle 12,30 i ragazzi hanno vissuto un’esperienza unica a contatto con i capolavori esposti in Pinacoteca denominata “Coloriamoci di Rosso” in omaggio alla Deposizione di Rosso Fiorentino. Partendo dall’osservazione delle opere d’arte esposte, i ragazzi sono stati coinvolti in attività creative che, vissute come un gioco, hanno rappresentato in realtà la strategia migliore per entrare con naturalezza in quel mondo dell’arte che troppo spesso viene vissuto come elitario. Ogni incontro prevedeva una breve visita al Museo mirata sulle tematiche poi affrontate nel laboratorio come, ad esempio, l’uso e la simbologia del colore o la realizzazione del ritratto.

    Ufficio Stampa Comune di Volterra

    Continua a leggere »
  • Storia e misteri, la Fortezza Medicea si svela ai visitatori dopo l’intervento di restyling

    VOLTERRA – Riscoprire uno dei luoghi simbolo di Volterra appena restaurato attraverso un viaggio nella storia e nei misteri. E’ la Fortezza Medicea che venerdì 23 agosto apre le sue porte a cittadini e turisti per svelare la parte che si affaccia verso Porta a Selci subito dopo l’intervento di restyling. Dalle 12 alle 20 l’ingresso gratuito porterà alla scoperta dei tesori storici e architettonici custoditi nella Rocca antica.
    Nell’ambito del calendario di eventi della Festa Medievale, poi, alle 15 e alle 17 sono in programma due visite guidate in italiano e in inglese per ammirare la “Volterra dei misteri”: si tratta di una tappa di un percorso più complesso, per il quale è possibile prenotarsi al Consorzio turistico al costo di 10 euro A rendere più suggestiva la visita in Fortezza sarà l’ingresso dalla parte più antica della struttura.

    Ufficio Stampa Comune di Volterra

    Continua a leggere »
  • ,

    Festival da Camera 2013 – La tuonante soprano giapponese e i fuori classe dell’ensemble

    VOLTERRA – E’ l’appuntamento annuo con il Festival da Camera per l’Alta Val di Cecina che raccorda la rarità performativa al rapporto intenso con il pubblico, e dopo l’esordio con l’esibizione a Mazzolla ed al Castello Ginori di Querceto del duo dei fuoriclasse Romain Descharmes, al piano, e Pierre Fouchenneret, al violino, nuove intense emozioni attendono il pubblico con il ritorno nell’ensemble della flautista Fleur Gruneissen e della soprano giapponese Mayuko Yasuda, dalle straordinarie vibrazioni vocali.
    Ritorna a Mazzolla di Volterra (PI), nella antica Cantina di Castello Viti, domenica 25 agosto, ore 21, il Festival animato da virtuosismi straordinari e potenti affondi interpretativi, in performance che avvicinano intenditori e meno esperti ai viaggi acustici attraverso i repertori della grande classica, per poi concludersi, con la stessa formazione cameristica, lunedì 26 agosto nel centro storico di Volterra (PI), in sede da definire.
    .Pianista mondiale Romain Descharmes, classe 1980, formatosi al Conservatorio di Parigi e recensito dal New York Times per la originalissima interpretazione che raccorda magistralmente vigore e delicatezza, è stato invitato ad esibirsi negli Stati Uniti, in Inghilterra, Irlanda, Italia, Francia, Giappone, Cina, Russia. Habitué in Francia, per i prediletti reperti cameristici, ha suonato anche con importanti orchestre internazionali.
    Il violinista Pierre Fouchenneret inizia gli studi musicali alla precoce età di cinque anni, al Conservatorio Nazionale della Regione di Nizza, e già a dodici è ammesso a quello Superiore di Musica di Parigi. Nato a Grasse (Alpes Maritimes) nel 1985, è ospite abituale degli studi di ‘France Musique’ e della televisione nazionale. Vincitore di prestigiosi premi, sia come solista che in ensemble, di cui è spesso fondatore, è anche un componete della formazione Contrast e dell’orchestra da camera sperimentale, con assenza di direzione, “Les Dissonances”.
    Nativa di Lille, Fleur Gruneissen esordisce lo studio del flauto con Christel Delaval già in precoce età. Nel 2002 entra al Conservatorio di Parigi e nel 2005 vince la borsa Erasmus con cui parte per l’Escola Superior de Musica de Catalunya di Barcellona. In seguito sono sempre più fitte le esibizioni al seguito di importanti orchestre francesi, come l’Orchestra du Capitole de Toulouse, dove riceve il premio “Aida” e l’Orchestre de Paris.
    Classe 1981, professionista tra Tokio e Parigi attraverso i ruoli cardine della lirica, la soprano Mayuko Yasuda si forma all’Università Nazionale delle Belle Arti e della Musica di Tokio, con conseguimento finale del diploma e del premio Ataka. Primo debutto in Giappone nel 2001, con l’interpretazione di Die Koenigin der Nacht nel Die Zauberflöte di Mozart, nella sede del teatro dell’Università di Tokio ed al teatro delle Arti a Saitama, nel ruolo di Euridice in Orphée aux Enfers di Offenbach. Dall’incontro con Mady Mesplé ne segue la decisione di trasferirsi definitivamente in Francia dove compie gli studi. Nel 2006 vince il primo premio del Concorso internazionale di Canto dell’UFAM a Parigi.
    Il Festival da Camera è stato organizzato da Accademia Libera Natura e Cultura (Associazione Marco Polo), “Le Vent des Art” e Consorzio Turistico Volterra Valdicecina, nella programmazione di “Arte e Musica 2013”, con il patrocinio di: Provincia di Pisa, Comune di Montecatini Val di Cecina, Comune di Volterra e Camera di Commercio di Pisa.
    Inizio spettacoli: ore 21. Ingresso: 15 €. Prenotazione richiesta ai concerti:
    Accademia Libera Natura e Cultura +39 366 1351567, +39 329 8826391, accademialibera@tiscali.it, www.association-marcopolo.org.
    Consorzio Turistico Volterra Valdicecina +39 0588 86099, info@volterratur.it, www.volterratur.it

    Continua a leggere »
  • Arcobaleno d’estate

    L’Amministrazione, in totale collaborazione con le Associazioni di categoria, propone agli esercenti pubblici di tutto il territorio comunale, di aderire ad “Arcobaleno d’estate” semplicemente offrendo un brindisi a quei turisti che il giorno 24 agosto alle ore 19,30 si troveranno a passare davanti al loro esercizio. Questo si può realizzare in forma semplice ed economica ponendo all’esterno del negozio/bar/ristorante, un tavolo, 2 bottiglie di spumante, e una ventina di bicchieri flutter di plastica e servendo lo spumante ai passanti per il brindisi.
    Ovviamente ciascuno è libero di arricchire l’offerta come meglio ritiene. Per far comprendere l’iniziativa sarà anche distribuito a tutti un volantino a cui provvederà l’Amministrazione Comunale.
    Il Museo Etrusco “Guarnacci” e la Pinacoteca Civica, da parte loro, prolungheranno l’apertura fino alle ore 20, in modo che nei rispettivi giardini sia possibile il brindisi augurale.
    Da segnalare che il tutto si pone all’interno della Settimana Medievale, che prende il via il 18 agosto per concludersi il 25, una settimana durante la quale a Volterra saranno numerosissimi gli eventi e le rievocazioni storiche.
    Venerdì 23,  in accordo con la Direttrice della Casa di Reclusione, verrà aperta al pubblico la parte della Fortezza Medicea appena ristrutturata, con la possibilità di accedere dall’ingresso esterno accanto alla Porta a Selci, nell’orario che va dalle 12 alle 20: uno spettacolo davvero mozzafiato.

    Lilia Silvi Assessore alla Cultura Comune di Volterra

    Continua a leggere »
Ritorna in cima

Printed from: http://www.gazzettadivolterra.it/tag/cultura/page/2/

Scan to visit this page: